• Francesco Pittalis

Lettera aperta a Gianni Monterosso - Commenti


Ricevo la lettera aperta di Pasquale Ferrara indirizzata a Gianni Monterosso. Una lettera dai toni molto contenuti, ineccepibile nella forma e condivisibile nella sostanza che, tra l'altro, fornisce delle risposte alle domande poste a conclusione del mio articolo 'CdA CdR e Personale Uffici - Precisazioni'. In particolare ai punti:

- Procedure di controllo adottate per garantire la sicurezza contabile.

- Modalità di gestione e di accesso alle casse.

- Relazione redatta dal commercialista esterno sull'ammanco di cassa.

Confesso di avere letto con dispiacere la lettera aperta perché notizie e risposte me le sarei aspettate dall'Amministrazione di Costa Paradiso, nella persona del suo Presidente e/o nella persona di qualcuno dei suoi membri CdA o CdR.

Sono domande alle quali ritengo di avere diritto di ricevere risposte esaurienti ed educate da chi è nella posizione di darle. Me lo aspetto in quanto Partecipante di questa Comunità, Partecipante che, come molti, paga regolarmente quanto richiesto per la gestione del Territorio e desidera essere informato appunto sulla sua gestione.

Quali notizie si ricevono invece dal sito ufficiale della Comunità? Se, per esempio, leggo 'Facciamo chiarezza', uno degli ultimi articoli pubblicati, che cosa trovo?

Tralasciando le usuali sgrammaticature del suo autore alle quali siamo ormai abituati (si dice'giuslavorista' e non 'giuslaburista') troviamo affermazioni che denotano il senso di profondo fastidio che l'autore prova nel constatare che ci sono persone che osano pensarla diversamente da lui.

Cito alcuni passi dell’articolo:

  1. '... alla gente non sono mai piaciuti gli ex che insinuano e sgomitano ...'

Commento: Che cosa si pretenderebbe? Si preferirebbero evidentemente degli 'ex' che se ne stanno in un angolo affranti cercando di non farsi notare troppo e soprattutto cercando di non dare troppo fastidio e non fare troppe critiche. Certo sarebbe più comodo...

  1. '... davvero è difficile trovare dei partecipanti, anche avversari, che pensino anche vagamente verosimile che in CdA siedano disonesti, complici o marioli. Fa eccezione qualche mezza cartuccia in cerca di notorietà...'

Commento: Ne deduciamo che se qualche avversario osa pensarla in modo diverso dall’opinione ufficiale dovrebbe essere considerato una ‘mezza cartuccia in cerca di notorietà’. E chi sarebbero queste mezze cartucce? Possiamo conoscere i nomi?L’autore dell’articolo si rende conto delle assurdità che scrive?

  1. '... Il Presidente Addis ha concesso troppo alla cautela, al rispetto in generale delle persone, e anche all’opinione di coloro che vorrebbero che questo sito assomigliasse ad un bollettino senza opinioni, e le notizie fossero sterili lanci d’agenzia...'

Commento: Visti i risultati ci sembra in realtà che il Presidente Addis non sia riuscito in quello che avrebbe dovuto essere il suo compito principale: gestire in modo efficiente il Territorio utilizzando al meglio le professionalità che ha avuto a disposizione.

Ciò che è riuscito ad ottenere sono state, invece, quattro dimissioni in Consiglio in un anno e mezzo e i risultati fallimentari che ormai tutti conoscono e che vanno dalla bocciatura del Bilancio Consuntivo Triennale dell’11 agosto 2014 all’ammanco di cassa da 55.000,00 € denunciato dal verbale CdR del 22 novembre 2014, passando per altri insuccessi quali il mancato aggiornamento del software gestionale.

Faccio notare che mi limito a citare fatti, non chiacchiere, non parole, non opinioni, non insulti gratuiti o insinuazioni e ne cito solo alcuni.

Quanto al sito ufficiale che alcuni ‘... vorrebbero che assomigliasse ad un bollettino senza opinioni, e le notizie fossero sterili lanci d’agenzia...’ devo dire di essere esterrefatto. Durante la mia permanenza in Consiglio ho cercato infinite volte, evidentemente senza successo, di far capire che ci si difende dalle critiche argomentando sui fatti in discussione e che non giova utilizzare per difendersi cinghialini di famiglia che grugniscono a comando e tantomeno non meglio precisati Zorro o uomini mascherati che scrivono a comando. Noi abbiamo l’abitudine, evidentemente non gradita a tutti, di sottoscrivere le cose che scriviamo, non usiamo pseudonimi, ci qualifichiamo apertamente.

  1. '... Non si riesce nemmeno a comprendere quale anziano presidente in demenza senile mediti dimissioni perché ci sono i ladri...'

Commento: Inviterei l’anziano Presidente, indipendentemente dal suo stato di salute mentale, adessere più cauto nello scartare con tanta decisione l’ipotesi di dimettersi. Le circostanze future potrebbero indurlo a cambiare idea...

In conclusione

Riteniamo opportuno sottolineare ancora una volta che riteniamo straordinariamente gravi i fatti di cui si parla e che i Partecipanti della Comunità di Costa Paradiso sono veramente stanchi di essere amministrati in un modo così inefficiente e sono determinati a ricercare ed ottenere un cambiamento nella gestione del Territorio.

Ricordiamo anche che sono finiti i tempi delle polemiche spicciole, dei risentimenti a carattere personale e ricordiamo che non è più possibile liquidare critiche legittime e aspettative altrettanto legittime dei Partecipanti limitandosi e demonizzare chi si fa portavoce di queste critiche e di queste aspettative.